UN BLOG IN PIÙ NELLA RETE

Il blog di Neve Valenti – Reloaded

Porta via

with 5 comments

C’è un movimento, in Italia, al quale piace definirsi ‘politico’. Si chiama Militia Christi, la Milizia di Cristo.
Non si capisce per quale motivo ci dovrebbe essere una milizia, seppur metaforica, in nome dell’Uomo che chiese a chi lo seguiva di amare i nemici, di porgere l’altra guancia, di essere misericordiosi e che consigliò loro ‘Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato’.
Ricordiamo la Militia Christi per i manifesti con cui va sporcando i muri chiedendo pulizia, e la ricordiamo l’anno scorso protestare sdegnosa presso lo Yad Vashem, il memoriale ufficiale di Israele delle vittime ebree dell’olocausto, per una didascalia che presentava come ‘ambigua’ la posizione di Papa Pio XII durante i massacri dell’ultimo conflitto mondiale. La didascalia era forse eccessiva e ingrata, ma come la mettiamo con il dato oramai oggettivo delle centinaia di criminali di guerra nazisti che sono fuggiti in America meridionale grazie all’appoggio del Vaticano? Ma non è di questo che volevo parlare.
Questo ‘movimento politico’, che rifiuta l’Europa perché la considera un’entità fittizia ‘forzatamente creata a tavolino da potenti lobbies anticristiane’, si è molto rallegrata ieri, in occasione del CXXXVIII anniversario della breccia di Porta Pia, per l’intervento di Antonino Torre, consigliere comunale per la Lista civica per Alemanno eletto con il minimo dei voti e uomo dai conclamati valori cristiani, famoso per non tollerare una città ‘sollazzata periodicamente da Notti bianche, festival cinematografici e giornate ludiche’.
Il consigliere Antonino Torre, presenti come da tradizione le rappresentanze del Comune, della Provincia e della Regione, ha dedicato tutto il suo intervento al ricordo e alla stesura dell’elenco dei soldati pontifici caduti in difesa del potere temporale papale, naturalmente omettendo di dire che erano per la stragrande maggioranza mercenari stranieri. Agli esponenti laici presenti, ovviamente, è stato impedito di parlare.

I Savoia e i loro sgherri sono stati e sono insopportabili. Per conquistare il Regno delle Due Sicilie hanno mosso mezzo mondo, dagli inglesi ai repubblicani estremisti; per conquistare il Regno del Papa hanno addirittura inciuciato con Napoleone III.
Insomma, hanno attuato una politica espansionista giocando in modo molto sporco alla fine della quale hanno usato la scusante dell’Italia Unita, ma se c’è qualcosa che mi sento di sottoscrivere è il ‘Libera Chiesa in libero Stato’ che il Conte di Cavour non ebbe il tempo di attuare.
Al Papa la libertà dell’esercizio spirituale e allo Stato il potere temporale, così pensava Camillo. Ma morì prima di poterlo attuare completamente, e poi non è così facile mettersi contro chi, perso il Regno, aveva ancora molta influenza sulle anime.
Ma torniamo ad oggi, nei giorni in cui la moda del revisionismo storico non conosce confini. L’eco degli infelici interventi di simpatie per il ventennio del sindaco Alemanno e del Ministro La Russa ancora non si è spento che già c’è chi con il revisionismo si spinge ben oltre il ventennio e addirittura rimpiange il Papa Re, vicario di un Cristo che disse ‘Il mio regno non è di questo mondo’.

Articoli:
http://www.zenit.org/article-9031?l=italian
http://www.repubblica.it/2007/04/sezioni/esteri/nunzio-protesta/nunzio-protesta/nunzio-protesta.html
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=251764
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=31405&sez=HOME_ROMA
http://www.uaar.it/news/2008/09/20/settembre-roma-radici-cristiane-antonino-torre/
http://www.resistenzalaica.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1330&Itemid=1

Papa Pio IX benedice le truppe pontificie alla vigilia della presa di Roma.

Papa Pio IX benedice le truppe pontificie alla vigilia della presa di Roma.

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Parafrasando la frase di Cristo ed adattandola all’era Berlusconi, direi che “Il mio mondo non è di questo regno”…

    venividiwc

    23 settembre 2008 at 6:57 pm

  2. Non so come ringraziarti per aver donato al mio blog una battuta sottile e tagliente come poche. La adoro. Non scherzo.

    nevevalenti

    25 settembre 2008 at 2:55 pm

  3. Evidentemente “frequentare” una persona stimolante come te mi fa bene. E non scherzo nemmeno io. :-)

    venividiwc

    6 ottobre 2008 at 2:28 pm

  4. Adulatore! :P ;)

    nevevalenti

    7 ottobre 2008 at 11:10 am

  5. Sui Savoia bisognerebbe decidersi, la decadenza (per non dire altro e annoiarci) in particolare di questi ultimi rampolli è fuori discussione, tuttavia non sputiamo eccessivamente sul piatto risorgimentale in cui anche Vittorio E.II° ha cucinato, con Cavour, Garibaldi &C. – oppure rassegnamoci al papa re – al gioco Inferno/Paradiso con buona pace del Limbo soppresso recentemente (La pena di morte lo è stata credo appena un decennio fa) mandando a spasso per l’aldilà milioni/miliardi di bambini.
    Il fatto è che per muovere qualcosa in questo mondo, c’è di mezzo sempre un patto (grande o piccolo che sia) con belzebù, per dirla in linguaggio cattolico. Il più delle volte il patto assorbe lo scopo iniziale. un saluto.

    Giosef

    5 novembre 2008 at 9:40 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: