UN BLOG IN PIÙ NELLA RETE

Il blog di Neve Valenti – Reloaded

Caro Presidente

with one comment

Santiago del Cile. Il Presidente della Repubblica Italiana, laggiù in visita ufficiale, ha una definizione per coloro che credono che il Parlamento Italiano sia ‘una corporazione di avidi fannulloni’: qualunquisti.
E aggiunge che questo pregiudizio ‘inocula nelle menti il distacco dalla politica’.
Ha infine aggiunto: ‘Ci sarà chi penserà che tanto vale chiuderlo, anche se non sarà chi scrive queste cose. Bisogna reagire a questo atteggiamento, che una volta si sarebbe definito di qualunquismo, e da parte della politica ci vuole uno sforzo per lanciare un ponte di dialogo e di comunicazione’.

Caro Presidente, lei ha ragione. Il qualunquismo porta alla dittatura. Lo dimostra la Storia, leggendo la quale vediamo che ogni totalitarismo ha sempre guardato di buon occhio il qualunquismo.
Ma la Storia è noiosa e nessuno se la ricorda. Facciamo un paio di esempi: chi si ricorda con chi eravamo alleati durante la Seconda Guerra Mondiale? Chi si ricorda il vincitore di Sanremo dell’anno scorso?
Caro Presidente, noi in ponte di dialogo con i nostri governanti l’abbiamo lanciato.
Sono anni che lo facciamo. L’ultima volta è stato in modo eclatante, si gridava in piazza, eravamo in tanti.

La verità è che abbiamo bisogno di una classe politica e dirigenziale che pensi a governare, invece di pensare di salire al potere solo per mantenere e rafforzare scandalosi privilegi, con l’arroganza di chi è convinto che gli siano dovuti.
Chiediamo troppo?
Il mondo va incontro a grandi cambiamenti e l’Italia non è nella posizione di potersi permettere di essere guidata da gente il cui unico talento è quello del parassitismo e del clientelismo. E poi è proprio questa gente che, chi per reazione e chi per lucido calcolo, diffonde la voglia di totalitarismo.
Sia più esplicito, Presidente. Dica quel che c’è da dire, anche scendendo nei particolari. Parli chiaro.
È l’unico che può permetterselo.
Se proprio c’è questa paura che il popolo si distacchi dalla politica, prima che noi ci togliamo dalla testa che i nostri politici sono ‘una corporazione di avidi fannulloni’, non facciamo prima se loro smettono di essere avidi e fannulloni?

Articolo:
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_3002589.html?ref=hpsbdx3

Foto di Dorthea Lange


Nell’immagine: Ragazza in una baraccopoli a Oklahoma City, 1936. Foto di Dorthea Lange

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Napolitano difende se stesso e chi l’ha eletto, difficile aspettarsi un atteggiamento diverso che produca il suicidio di questo sistema malato. bene ha individuato Grillo, il vero ostacolo all’ultima speranza di cambiamento, rappresentato dall’informazione asservita al potere

    Sandro Taliani

    21 marzo 2008 at 2:09 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: